Search
venerdì 22 novembre 2019
  • :
  • :

RADFORD: “LA COSA CHE RICORDO DI PIÙ DI MASSIMO TROISI È IL SUO CORAGGIO”

RADFORD: “LA COSA CHE RICORDO DI PIÙ DI MASSIMO TROISI È IL SUO CORAGGIO”

Massimo Troisi nato a San Giorgio a Cremano, 19 febbraio 1953 morto a Roma, 4 giugno 1994

Il regista de Il postino racconta di quella volta in cui Troisi gli spiegò il perché non voleva un trapianto di cuore

Sono passati più di vent’anni dalla morte di Massimo Troisi, più di due decenni dall’ultimo ciak battuto sul set de Il postino, oggi il regista Michael Radford non ha dubbi: “Se la commissione italiana avesse proposto Il postino come miglior film straniero all’Academy, allora avremmo sicuramente vinto l’Oscar”.

“E’ il mio lavoro più celebre e popolare – ricorda Radford, senza però tralasciare il fatto che quelle riprese furono molto complicate – C’erano lunghe pause. Dovevamo fermarci a causa della salute di Massimo Troisi. Lui arrivava, diceva le sue battute e poi andava a sedersi. Ho lavorato con una controfigura per tanto tempo.
Avremmo dovuto completare le riprese de Il postino in sette settimane. Alla fine ne sono servite quindici, perché ci fermavamo sempre”.

Foto  Virginia Farneti / LaPresse 06-06-2011 Roma Spettacolo Photo Call del film ''Michel Petrucciani-Body&Soul'' Nella foto il regista Michael Radford Photo  Virginia Farneti/Lapresse 06-06-2011 Rome Entertainment Photo Call of the movie ''Michel Petrucciani-Body&Soul'' In the photo director Michael Radford

Quanto questo continuo slittamento di riprese ha creato altri problemi? Che tipo di problemi?
Parecchio. Gli attori rischiavano di perdere altri ingaggi: alcuni hanno dovuto lasciare il set. Poi un giorno Linda Moretti, che interpreta la zia, si è rotta un braccio. Anche lei improvvisamente era fuori combattimento per tre settimane. Ecco sì, quelle riprese furono un incubo. Non so nemmeno come siamo riusciti a finirlo, da qualche parte dentro di me mi dico che ci siamo riusciti per magia




Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *